29.7.14

Playlist // If I had wings

Fin dagli ultimi anni '40 si cominciano a manifestare le prime avvisaglie del ritorno alla musica folk: molti giovani americani si trasferiscono e frequentano il Greenwich Village, quartiere di New York in cui sorgono diversi club animati da serate jazz e folk.
Intorno agli anni '60, ai tradizionali suoni della musica folk si cominciano ad associare temi di protesta sociale, come nell'indimenticabile Blowin’ in the Wind di Bob Dylan, che poi spingerà il genere folk al di là dei suoi limiti tradizionali. 
È proprio questo particolare momento e luogo della storia della musica che si propone di immortalare il film A proposito di Davis, realizzato dai fratelli Coen. E, secondo me, riesce benissimo nel suo intento, tanto che, più che "film", verrebbe da definire questa splendida opera come "album musicale": ad esso che si ispira questa playlist. 


8tracks

01. Hang Me, Oh Hang Me, Oscar Isaac
02. Fare Thee Well (Dink's Song), Oscar Isaac & Marcus Mumford
03. Oxford Town, Bob Dylan
04. Cook With Honey, Judy Collins
05. Dark Days, Punch Brothers
06. Five Hundred Miles, Justin Timberlake, Carey Mulligan & Stark Sands
07. Someday Soon, Judy Collins
08. The Death Of Queen Jane, Oscar Isaac
09. Corrina, Corrina, Bob Dylan
10. Blowin' in the Wind, Cher
11. This Girl, Punch Brothers
12. Green, Green Rocky Road, Dave Van Ronk

27.7.14

Blog Love #7

Il programma era di alzarsi un po' presto (non troppo), ma poi le cose mi sono sfuggite di mano mi sono svegliata quasi due ore dopo il suono della sveglia!
Ma alla fine eccomi qui, a cercare di recuperare il tempo perduto! 
Però, dopo tutto, è domenica ed un po' di relax non si può negare a nessuno! Quindi ecco alcuni articoli interessanti da sfogliare in un attimo di tranquillità, magari sulla spiaggia, se ne avrai voglia. ;)

Anche quest'anno è tempo di Comic-Con! Rachel racconta di quando ci ha portato suo padre >>>

5 tipi di blogger, 5 consigli per migliorare >>>

Valiant Hearts: The Great War: un particolarissimo videogioco di guerra in cui non si spara, la cui recensione mi ha davvero incuriosito >>>

Consigli per sfruttare al meglio i social network >>>

Condividiamo le nostre vite o inseguiamo quelle degli altri belle quanto irreali? Ovvero, quanto è reale la vita che raccontiamo (e ci raccontano) su Facebook? >>>

Sai che, tra le altre cose, puoi chiedere a Google di rotolare? >>>

26.7.14

Le mie App preferite // Monument Valley

Hai presente le scale di Escher o il triangolo di Penrose
Monument Valley è un gioco che nasce dalla combinazione di geometria ed illusione ottica. 
L'obbiettivo è condurre la principessa Ida attraverso luoghi fantastici, scoprendo vie nascoste e strade improbabili. Per permetterle di avanzare nel suo percorso bisognerà manipolare l'architettura di questi misteriosi monumenti, sfruttando leve, meccanismi ed illusioni ottiche. 
In un periodo in cui stanno prendendo sempre più piede (a partire da Facebook) giochini sempre più facili e privi di sfide ed interesse, è stato per me un vero piacere scoprire Monument Valley che, non solo è un gioco intuitivo assolutamente perfetto per iPhone e iPad, ma è anche intelligente e realizzato con eleganza da programmatori che evidentemente conoscono il loro mestiere e lo fanno bene.
Attualmente è composto da dieci livelli, quindi lo si può completare piuttosto in fretta; il mio consiglio è però di giocarlo con calma, centellinando ogni livello e godendosene la bellezza. Ed essendo un'app (quindi in continua e potenziale evoluzione) spero che in futuro vengano aggiunti nuovi livelli, speranza che mi sembra essere non del tutto vana visto anche il successo fino ad ora ottenuto! 
Il costo (3,59 €) è in effetti piuttosto superiore ai canonici 0,89 centesimi, ma posso dire in tutta onestà che li vale fino all'ultimo centesimo! Conviene comunque monitorare un po' la situazione perché ogni tanto ci possono essere dei periodi di sconto. 
Ora è possibile acquistare anche la colonna sonora, musica e suoni delicati che arricchiscono l'aspetto visivo in un insieme impeccabile.

21.7.14

Trasforma il tuo blog in un'applicazione per iPhone e iPad

Forse con questo titolo potrei averti tratto un po' in inganno, ma quello che intendo fare con questo post è spiegare come realizzare un'icona, del tutto simile a quelle delle altre app che hai su iPad ed iPhone, che consente ai lettori di accedere rapidamente al tuo blog (senza nemmeno dover aprire Safari). 

Per prima cosa dovrai creare un'icona con Gimp, Photoshop o altro. Come dimensione 150x150 vanno benone. 
E, se posso darti un consiglio, cerca di fare in modo che l'icona rispecchi lo stile del tuo blog. 
Una volta pronta l'icona, vai nel codice HTML del tuo blog ed immediatamente sotto <header> incolla la seguente striscia di codice: 

<link href='http://url-to-your-image.com/your-image.jpg' rel='apple-touch-icon-precomposed'/>

La parte evidenziata in giallo dovrà essere sostituita con l'url dell'icona da te precedentemente creata.
Quindi non rimane altro da fare se non salvare. 

Ed ora prendi il tuo iPhone/iPad, apri Safari e cerca il tuo blog. 


Rimanendo sulla pagina principale del tuo blog, clicca sull'icona di condivisione/esportazione di Safari e poi scegli Aggiungi a Home. Si aprirà un'altra finestra in cui, se vorrai, potrai cambiare il nome dell'icona. Se invece ti va bene così com'è clicca immediatamente su Aggiungi
Adesso l'icona da te creata comparirà tra le altre app presenti sul tuo dispositivo e funzionerà come un link veloce: cliccandoci sopra si aprirà immediatamente, per te ed i tuoi lettori, in Safari la pagina del tuo blog. 
Vuoi un esempio pratico? Prova a fare un giro su questo blog da iPad o iPhone! ;)

PS: questa procedura è valida anche per i dispositivi Android. 

18.7.14

Il Dio del Tuono è donna

La Marvel ha annunciato che Thor non è più degno dei suoi poteri (di nuovo?!): a prendere il suo posto ed anche il suo nome sarà (sorpresa, sorpresa) una donna!
Ancora non si sa nulla di questo personaggio, quale sia il suo passato ed in quali circostanze diventerà Dio del Tuono. L'unica cosa certa è che si mostrerà degna di impugnare il Mjolnir. 
La Marvel ha inoltre sottolineato che non si tratterà di una sostituta momentanea: diventerà invece il solo ed unico Thor (o forse sarebbe meglio dire "la sola ed unica").
Anche se non mi è ben chiaro il perché questa donna non possa avere i poteri di Thor ed un nome tutto suo (ma probabilmente in autunno, con l'uscita del fumetto ci verrà chiarito ogni dubbio), mi sembra un colpo di scena piuttosto interessante. C'è bisogno di donne forti (non solo fisicamente) e speriamo che questo nuovo Thor possa esserlo!
I personaggi femminili che popolano l'universo Marvel sono piuttosto numerosi. Però in molti casi si tratta di figure secondarie, d'appoggio al protagonista maschile o addirittura della versione femminile di un personaggio (ancora mi domando il perché di She-Hulk!).
Bisogna anche dire che, malgrado quello che si potrebbe pensare vedendole strizzate in costumi sempre piuttosto succinti, le eroine Marvel non sono donne oggetto stereotipate (ma soltanto da poco ho cominciato ad addentrarmi in questo vasto mondo di fumetti, quindi correggetemi se sbaglio): non riesco ad immaginarmi Gamora o la Donna Invisibile intente ad arruffianarsi i nemici con su una minigonna. E d'altra parte anche gli uomini hanno costumi che lasciano a desiderare: sono convinta che persino Hugh Jackman avrebbe faticato ad avere successo come Wolverine con addosso la classica tutina gialla!
Ora, dunque, sarà un personaggio femminile a diventare protagonista! Ed è probabile che allora comincerò a leggere anche Thor!

ShareThis